Vai al contenuto principale

Le responsabilità degli Stati Uniti in una mappa

Mappa che mostra i confliti degli ultimi anni con più di 1000 morti
Immagine creata da me. Fonte della base: Wikipedia

Una mappa dei maggiori conflitti in corso nel 2015 mostra una realtà affascinante: dei maggiori conflitti mondiali[1], due sono direttamente derivati dalla politica degli Stati Uniti, mentre un altro, quello siriano, è in gran parte influenzato dalle sue azioni. Difatti uno dei maggiori protaginisti della guerra civile siriana, cioè l'ISIS ha le sue origini in Iraq e nella guerra civile seguita all'attacco americano.

Nessun altro avrebbe potuto fare di meglio, ovvero risolvere questi conflitti, ma è proprio questo il punto. Questa mappa non significa che "sia tutta colpa degli americani", ma è la prova definitiva che la capacità, o la volontà, degli Stati Uniti di influenzare gli eventi mondiali è ormai fortemente ridimensionata. Che si tratti di non capacità o non volontà è in buona misura irrilevante, dato che il risultato rimane comunque che gli Stati Uniti non sono più una superpotenza solitaria, ovvero non possono più fare tutto ciò che vogliono.

Oggi sono solamente la prima Grande potenza del ventunesimo secolo, possono molto, ma non più tutto.


Note

1. definiti con almeno 10.000 vitttime in questo anno o in quello precedente []

Pubblicazione