Vai al contenuto principale

Mazzini

Copertian con ritratto di Mazzini
Copertina del Libro Mazzzini

Questa sarà la recensione del libro di Belardelli, quanto una riflessione su Mazzini stesso. Innanzitutto devo dire che ho trovato questo libro migliore di quelli di Denis Mack Smith che, se potete, vi consiglio di evitare. Dico se potete perché è sicuramente lo storico del risorgimento italiano che ha avuto più fortuna; ha scritto libri sia sui tre padri della patria che sul risorgimento in generale, sulla dinastia Savoia e la storia post-unitaria. Insomma per chi vuole approfondire la storia della fondazione d'Italia è difficile evitarlo. Il problema di Smith consiste nella sua abitudine ad esprimere opinioni personali sull'oggetto dei suoi studi; ad esempio rivela una certa ostilità per Cavour, accusato di bassezza morale, sostanzialmente per la sua alleanza con la Francia che Smith, da buon inglese, non gradisce. Tale atteggiamento è ovviamente discutibile per uno storico [1]. Al contrario Belardelli si limita a criticare Mazzini, ovvero ad osservare oggettivamente i suoi difetti. Ad esempio, quando rimarca che egli spesso mostrava una rocciosa ignoranza della realtà italiana, sia per il suo esilio che per sua personalità.

Vita e personalità di Mazzini

Venendo al libro, esso inizia con la descrizione della sua formazione, inclusa l'osservazione sul rimaneggiamento fatto da Mazzini stesso circa la sua prima esperienza politica, non la sua partecipazione (insignificante) ad un moto studentesco, bensì l'incontro con tre profughi di falliti moti piemontesi venuti a chiedere l'elemosina, che Mazzini descrisse come una sorta di illuminazione circa la sua missione. Egli visse la sua vita come una missione solitaria [2], per la maggior parte in esilio, coltivando l'immagine di un profeta. Benché sia stranota la sua accentuazione del dovere, questa presentazione mostra anche la sua meno famosa malinconia [3] che sembra portarlo a momenti di sconforto reali e, nota l'autore, talvolta strategici per raccontare la sua sofferenza politica.

Mazzini fu indubbiamente votato alla sua causa, vivendo anche in ristrettezze per aiutare altri emigrati italiani [4], ma esiste anche un parallelo tra la sua doppiezza politica e quella personale. Ad esempio dopo l'unità italiana Mazzini scelse di rimanere in esilio, benché avrebbe potuto usufruire di un'amnistia, ufficialmente per protestare contro la rivoluzione mancata [5] rappresentata dal regno sabaudo, ma viene da pensare anche perché la sua vita, personale e politica, era più comoda a Londra. Ciò sia perché tutta la sua rete di supporto era lì, sia per la sua tendenza alla cospirazione, che gli rimase per tutta la vita dai tempi della carboneria, ed infine perché ciò gli permetteva di ignorare la reale condizione del Paese e coltivare la sua visione profetica [6]. E ancora: la sua capacità di accettare compromessi temporanei unita alla sua inflessibilità nel tramare per ottenere i suoi obiettivi finali; la sua capacità di mantenere una fitta rete di contatti, che lo portò ad essere la voce più importante in Europa della lotta per l'unità d'Italia, unita alla sua incapacità di ammettere fallimenti, che erano sempre colpa di cattivi esecutori; la sua abilità nel comprendere i difetti dei piani altrui, ma la sua assoluta incapacità (ovvero non volontà) di ammettere l'irrealizzabilità dei propri.

La personalità di Mazzini erano le sue idee e viceversa. Essendo un romantico le sue contraddizioni, personali e politiche, erano parte della sua stessa natura, priva di organizzazione, ma vissuta con totale convinzione. Questo suo assolutismo lo portò anche a vivere gli ultimi anni estremamente amareggiato, ritenendosi totalmente sconfitto, visto che l'unità non era stata ottenuta come voleva lui. Cioè non aveva portato a quella rivoluzione morale, vero scopo della sua lotta. É anche vero che la sua emarginazione politica fu reale, vista appunto la sua radicalità, benché mantenne una grande influenza morale. In altre parole l'esilio finale di Mazzini, questa sua vicinanza spirituale e lontananza materiale, era la soluzione migliore per tutti.

La religione politica di Mazzini

La visione politica di Mazzini era religiosa, egli disse che «tutte le questioni si risolvono in una questione religiosa». Credeva nella religione come sistema più che in una specifica religione. Anche se era assolutamente contrario al materialismo ne condivideva certe idee di fondo, ad esempio credeva che la religione, come l'umanità, progredisse, anche se era finita l'epoca del cristianesimo, sarebbe stato necessario creare una nuova religione [7]. Come dice Belardelli, era influenzato da idee condivise dal mondo democratico francese, ma non era necessariamente consapevole, tale aspetto ne è un esempio, ma non è l'unico.

Anche per via del suo romanticismo, che sosteneva la supremazia del cuore sulla ragione, Mazzini era portato a mischiare convinzioni assiomatiche con ragionate considerazioni, in maniera tale che è difficile capire quale fosse la vera causa di talune posizioni. Alcune di queste convinzioni erano: la fine della supremazia francese, la necessità dell'unità, la libertà fondamentale come mezzo ma non come fine, l'ostilità verso gli interventi stranieri.

La fine del ruolo della Francia nella lotta per la libertà era dovuto da una parte all'irreversibilità della rivoluzione francese che aveva creato diritti acquisiti, dall'altra alla volontà di supremazia della Francia. La prima comportava che si andasse oltre ad essa, con i doveri, creando una nuova religione politica che potesse dare fondamento alla nuova società. La seconda richiedeva la nascita di una nazione italiana, creata attraverso una rivoluzione morale più che politica, che avesse una primazia, appunto, morale e non di governo sull'Europa. Era questa la missione assegnata da dio al popolo italiano.

L'unità morale, politica, sociale, culturale era fondamentale per Mazzini, di nuovo per ragioni pratiche e filosofiche. Una repubblica unitaria, invece del federalismo, era necessaria perché la nazione fosse forte, in grado di difendersi da stranieri altrettanto forti. Bisognava evitare le lotte tra classi, difendendo la proprietà privata, ma facendo concessioni alle parti povere della società. Si doveva lottare contro l'Austria, per unificare la nazione, ma anche perché l'ostilità della stessa era inevitabile, tanto che Mazzini tentò durante vari moti di far intervenire l'Austria per scatenare una rivoluzione. L'unità era presente anche nel suo amore per il popolo come ideale, che però doveva essere guidato da un'avanguardia dotata delle necessarie qualità morali. Questo suo aspetto, unito alle continue critiche del popolo reale, che avveniva spesso dopo le fallite insurrezioni, è un'altra caratteristica mazziniana.

Mazzini da una parte insisteva per il diritto inviolabile del singolo, dall'altra era assolutamente contrario all'individualismo. La libertà, in particolare quella educativa, era semplicemente un mezzo per conquistare la Verità, che una volta raggiunta doveva essere ubbidita. Egli era curiosamente insistente nel difendere la libertà individuale come fondamenale qualore venisse attaccata, ma al contempo a negare il valore quando ne aveva la possibilità. Di nuovo si mischiano la doppiezza e la volontà di unità del nostro protagonista.

Se è vero che il nostro eroe era contrario agli interventi stranieri, con buone motivazioni pratiche, è indubbio che il suo maggior contributo alla causa dell'unificazione fu proprio la perorazione della causa dell'unità tra gli stranieri. Un episodio degno di nota è il seguente: in Inghilterra fu scoperto che la sua corrispondenza veniva violata e passata agli austriaci; Mazzini convinse un deputato radicale a rivelarlo e ciò fece scoppiare uno scandalo. Egli utilizzò la fama ottenuta per perorare la causa della rivoluzione, sia modificando alcuni tratti indigesti della sua filosofia agli inglesi, come l'uso della violenza, sia ingraziandoseli con riferimenti alla Gloriosa Rivoluzione inglese. Mazzini attribuì anche, falsamente, a questo spionaggio il fallimento di una delle sue ennesime rivolte.

La vittoria finale era inevitabile, poiché la missione era divina, quindi non solo i fallimenti erano insignificanti, ma quasi utili: «cadete cento volte, apostoli del futuro, ma rialzatevi e ricominciate a operare: come il gigante della mitologia, la libertà attinge nuove forze ad ogni caduta». Le sconfitte sono comunque vittorie perché si combatte, la nazione esiste anche se solo nei principi.

Un altro punto, che racchiude bene i contrasti del personaggio, era la sua contrarietà al comunismo, la sua intuizione, rivelatesi corretta, era che la sua realizzazione avrebbe richiesto la creazione di una gigantesca burocrazia, in grado di dirigere e calcolare, la quale sarebbe stata inevitabilmente dittatoriale. Naturale è il paragone con il governo totalitario ipotizzato da Mazzini, che addirittura prevedeva l'unificazione di Stato e Chiesa, il quale probabilmente avrebbe portato a risultati simili. Questo è tutto Mazzini: lucidissimo nell'analizzare i problemi pratici di altri piani, assolutamente negato nel delineare la strategia dei propri.

Da ultimo cito un breve testo del libro sull'esperienza Mazzini circa la sua esperienza nella Repubblica Romana:

Seppe dar prova di moderazione e di insospettate capacità dimostrative; ma seppe anche agire con determinazione, ad esempio nel fare reprimere i gravi atti di violenza, ad opera di bande armate [...] verificatesi nelle province. Possiamo per ciò stesso concludere che si sia rivelato [...] uno «statista di razza» ? Direi di no, almeno non nel senso che intende chi ha formulato questo giudizio, vedendo all'opera in Mazzini una concezione «autenticamente moderna», della libertà, della democrazia e dello Stato, quando è vero semmai il contrario. Proprio a Roma infatti, nei suoi rapporti con la Costituente, Mazzini mostrò di non comprendere meccanismi e regole di un'assemblea rappresentativa, che restavano sostanzialmente estranei alla sua concezione di democrazia. [...] É appena il caso di notare che sia la contrarietà ai partiti, concepiti come elementi di divisione di una volontà generale che è e deve restare una ed indivisibile, sia l'avversione alla divisone dei poteri mostrano come Mazzini si muovesse nel solco della tradizione democratica rousseauiano-giacobina, non diversamente dal resto del repubblicanesimo d'Oltralpe. [8]
Conclusione

Mazzini finì la sua vita considerandosi uno «sconfitto», ma in realtà i suoi successi furono notevoli, uno su tutti la diffusione dell'idea di un'Italia che unisse tutta la penisola, che altri, come Cavour, non condividevano o, come Cattaneo, a cui preferivano la libertà della propria piccola patria. Il problema, per Mazzini, era che lo considerasse solo un mezzo per iniziare una resurrezione morale, dell'Italia e poi dell'umanità. La fortuna e la condanna di Mazzini fu proprio quella di essere un profeta intransigente. Quelli che furono i suoi successi pratici, come appunto l'unità, erano ignorati e dimenticati, da lui e da gli altri, in vista di inarrivabili cambiamenti morali. Al contrario è impossibile non notare il parallelo di certi suoi atteggiamenti e richiami morali in buona parte della sinistra italiana, che non è mai riuscita a governare (bene), anche per questa sua natura assolutista. Ciò non significa che la sua continua lotta sia stata inutile, anzi fu di grande importanza, sia per creare sostegno alla rivoluzione, in Italia e all'estero, sia per formare molti protagonisti del Risorgimento, che si spostarono poi su opinioni più moderate.

Mazzini non moderò mai le sue posizioni, che pertanto sono e rimangono in parte abbastanza folli, ma in piccole dosi e come ispiratore, rimane una grande figura del Risorgimento italiano, ieri come oggi. Il libro è consigliato a chi interessa il Risorgimento, ma anche a chi vuole capire l'origine di certi tratti della nostra politica, assieme cinica ed idealista.

1. ho l'impressione che la fortuna di Smith sia dovuta più alla sua non italianità che alla sua competenza; vista la nota polemica sul Risorgimento uno straniero ha un'utile aura di neutralità []

2. anche se viene accennato ad una sua probabile relazione clandestina con una donna inglese []

3. l'autore cita Mazzini che parla di «spleen intraducibile» []

4. fino a quando, più tardi nella vita, fu costretto a vivere in ristrettezze per la confisca dei suoi beni dovuta ad una condanna []

5. tema che sfortunatamente ebbe fortuna ed imitatori []

6. e, si sa, nemo profeta in patria []

7. emblematico in tal senso il suo credere nella reincarnazione []

8. p. 152 []

Pubblicazione